Super 9 di Palermo

Nella splendida cornice del Palauditore si è svolto a Palermo nei giorni 10 e 11 luglio 2010 il torneo Super9 di calcio da tavolo. La kermesse sportiva è stata organizzata dall’ASD Subbuteo Palermo. La due giorni ha visto la partecipazione di 60 atleti provenienti dall’Italia e da Malta.

Il sabato si è svolto il torneo a squadre. Le 5 squadre partecipanti si sono affrontate in un girone unico che ha visto prevalere in finale i padroni di casa dell’ASD Subbuteo Palermo, composta dagli atleti Enrico Corso, Riccardo La Rosa, Filippo Morabito ed Emilio Richichi,che ha avuto la meglio sulla compagine di Reggio Calabria. Hanno completato la classifica finale il Messina A, il Palermo B e in ultima posizione il Messina B.

La domenica si è svolto il torneo individuale con gli atleti suddivisi nelle categorie open (39), under 19 (5), under 15 (7) under 12 (9).

Tra i partecipanti alla categoria regina, quella open, godevano dei favori del pronostico per la vittoria finale Massimo Bolognino (CCT Eagles Napoli) pluricampione mondiale, Lucio Canicchio (Sessana), Gerardo Patruno e Massimiliano Schiamone (Bari), Hansel Mallia (Fiamme Azzurre). I turni preliminari vedevano i 39 giocatori suddivisi in 13 gironi da 3 giocatori dove non si registrava nessuna sorpresa di rilievo. Bisognava attendere i quarti di finale per assistere agli scontri tra le teste di serie (Canicchio-Bagnato 3-0; Schiavone –Mallia 2-1; Bolognino-Riccobene 4-0; Richichi-Patruno 2-1). Nelle semifinali scontro al cardiopalmo tra Schiavone e Canicchio, con il primo in vantaggio di due gol che si fa raggiungere negli ultimi secondi del secondo tempo e superare nel sudden death da Canicchio. L’altra semifinale vedeva prevalere nettamente Bolognino su Richichi per 3-0. Si ripeteva dunque la stessa finale del 2009, Bolognino-Canicchio. Il partenopeo passava subito in vantaggio ma Canicchio sfoderava un primo tempo da favola e con giocate a ritmi vertiginosi si portava in vantaggio chiudendo la prima frazione per 4-2. Bolognino sembrava stordito e l’intervallo lo aiutava a riassettare la sua impressionante macchina da gioco. Secondo tempo da non perdere, la partita bellissima. Il campionissimo napoletano recuperava e pareggiava il conto dei gol portandosi sul 4-4. Canicchio aveva perso lo smalto del primo tempo ma aveva la possibilità di riportarsi in vantaggio ma era Bolognino con un rasoterra da lontano a condurre 5-4. Nell’ultima azione Canicchio con un tiro dall’angolo dell’area di tiro colpiva un doppio palo e la pallina si fermava sulla linea dove si spengnevano le sue speranze di vincere il torneo. Grandissima finale degna di due grandi giocatori e che è valsa ai due sportivissimi contendenti l’applauso finale del pubblico e a Massimo Bolognino la vittoria per il quarto anno consecutivo del Super9 di Palermo.

Nelle categorie giovanili prevalenze totale del Messina a cui bisogna fare i complimenti per l’ottimo lavoro svolto in ambito giovanile in modo continuo, convinti del fatto che il movimento non solo siciliano ma anche nazionale deve concentrarsi sul ricambio generazionale in ottica futura.

Nella finale della categoria under 19 era il promettente e concreto Carmelo Sciacca del Messina a prevalere sul palermitano Massimiliano Antista dell’ASD Subbuteo Palermo per 2-1 in una finale molto combattuta.

Nella categoria under 15 finale tutta messinese tra Salvo Mandanici e Angelo Pirri con il primo che prevaleva nettamente per 3-0.

Anche nella categoria under 12 derby messinese con Claudio La Torre senza storia su Francesco Squaddara.

Alla cerimonia di premiazione il presidente della federazione italiana calcio da tavolo Enrico Corso è stato affiancato da Eros Lodato Vice Presidente del CONI Palermo e da Michele Nasca Assessore allo Sport della Provincia di Palermo che hanno sostenuto la manifestazione non solo visivamente ma anche in modo concreto fornendo i bellissimi premi finali.

Articolo redatto da Emilio Richichi


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *